In ricordo de “Giggi” Proietti

Estati Porchianesi

Fijo de Roma e de Romano,
fijo pure de Porchiano
su ‘sto colle arimpollato.
Chi mejo de noi t’ha conosciuto,
a giocà quann ‘eri potto,
e pu da giovanotto,
sempre co’ ‘sta chitarra
là pe’ le mura a strimpella’
e co’ la cricca tua, pure a canta’.
Nun ce facei de sicuro addormenta’
né in santa pace ariposa’.
Co’ quel vocione, anco’ poco domato,
sembrava che sotto al letto
te fossi ficcato;
invece, sul torracchio mozzo
del Pincio t’eri accampato.
Pe’ ‘sta raggione, ce devi scusa’,
quarche accidente de sicuro
t’emo mannato, ma pe’ ‘na vita
t’emo pure…tanto amato!

Aldo Perelli

1 pensiero su “In ricordo de “Giggi” Proietti

  1. Aldo Perelli

    Non vuole essere una celebrazione del personaggio “famoso”; bensì, lo spaccato di serate estive, quando ancora ragazzo in compagnia dell’ inseparabile chitarra, girava per le “Mura” di Porchiano. Ricordi piacevoli che la memoria non ha affatto cancellato.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.