Archivi autore: Marcello

Gran Fondo dei Colli Amerini

Domenica 17 giugno 2018 la Gran Fondo dei Colli Amerini, gara ciclistica giunta alla settima edizione, passerà anche da Porchiano. In particolare, gli atleti, dopo la discesa dei Cappuccini e aver svoltato a destra all’altezza del ponte del Rio Grande, oltrepasseranno la zona della Cavallerizza e nel bivio di Porchiano gireranno a sinistra per scendere verso Giove e proseguire la gara.

Il passaggio avverrà dopo circa cento chilometri dall’inizio del Gran Fondo. In base alle diverse medie tenute dai concorrenti, si può ipotizzare che essi transiteranno fra le undici e mezzogiorno e mezza. (MP)

Balli e canti a Palliccio!

Domenica 17 giugno 2018, a partire dalle ore diciassette e trenta, spettacolo di canti e balli popolari presso la foresteria del Sentiero di Palliccio.

Saranno presenti il Coro Popolare di Giove, diretto da Susanna Ruffini, e i Cori Pizzicati di Terni.

Durante la festa sarà offerto un aperitivo.

L’evento prevede un contributo libero che verrà devoluto a favore dell’Associazione COMIP (CHILDREN OF MENTALLY ILL PARENTS – associazione italiana creata da e per i figli di genitori con disturbo psichico).

Due appuntamenti per Leonardo

Sabato 16 giugno 2018, presso gli impianti sportivi di Porchiano del Monte, l’associazione Noi Amici per Leo in collaborazione con la Società di Ruzzolone di Sangemini organizza l’VIII Memorial “Leonardo Ippoliti”. La manifestazione inizierà alle quattordici e trenta e terminerà con la premiazione dei vincitori. Durante la manifestazione sarà disponibile uno stand con panini e bibite.
L’evento è ormai diventato un classico nel calendario di questa disciplina sportiva, uno dei giochi popolari più diffusi fra quelli tutelati dalla Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali. Lo si pratica utilizzando un cilindro di legno che viene avvolto da un nastro e lanciato lungo un percorso. Fino a qualche anno fa era uno spettacolo abbastanza consueto quello di vedere giocatori lungo le strade bianche impegnati in questa attività. Oggi lo si pratica per lo più in circuiti espressamente dedicati, come quello che si trova nella zona degli impianti sportivi di Porchiano.
Leonardo Ippoliti, scomparso tragicamente in seguito ad un infortunio sul lavoro, era un campione di ruzzolone ed i suoi amici, riuniti nell’associazione “Noi Amici per Leo” ne perpetuano il ricordo organizzando fra le altre cose anche questa interessante manifestazione.

Martedì 19 giugno 2018, presso la chiesa di Santa Cristina, alle ore diciassette, verrà celebrata la messa in memoria di Leonardo. Al termine della messa ci sarà la deposizione dei fiori al cimitero.

Assemblea dei soci della Pro Loco

E’ convocata presso il salone del Circolo “Mattia Giurelli” il giorno 16 giugno 2018 alle ore cinque in prima convocazione e il giorno 17 giugno 2018 alle ore diciassette in seconda convocazione, l’assemblea ordinaria dei soci della Pro Loco di Porchiano del Monte.

All’ordine del giorno:

  • Approvazione bilancio consuntivo anno 2017
  • Illustrazione programmazione attività anno 2018
  • Varie

E’ importante la partecipazione di tutti i soci a questa assemblea!

Restitujo e restitujà

“Restitujo” probabilmente deriva dallo spagnolo “restituyo” (restitugio) che in italiano significa restituisco. Eredità della civiltà contadina ormai al tramonto, fino agli anni Cinquanta in paese era ancora abbastanza usata, e con essa si voleva sintetizzare le due parole “restituzione” e “resto”. Volendo provare a dare un’interpretazione dialettale, (un po’ personale), si potrebbe considerare come un acronimo: resti (restituzione) – tu (a te) – jo (giù). Da restitujo deriva “restitujà”, altro verbo con cui s’intendeva prendere o recuperare dal basso, qualcosa che rimaneva di un bene importante.

In quel periodo, fondamentali erano i prodotti dell’agricoltura e del bosco, come il grano, il granoturco, l’oliva, la ghianda, il carbone. In un periodo di economia misera, recuperare anche piccolissime quantità di questi beni, per la nostra comunità era una risorsa da non trascurare. La raccolta di queste rimanenze era possibile, con il tacito consenso del mezzadro o del proprietario del fondo, e principalmente veniva fatto dalle donne.

Del grano venivano recuperate le spighe, che si perdevano nei campi e nell’aia durante le varie fasi di mietitura delle messi (falciatura, preparazione di “gregne”, e “cordelli”), o nel trasporto che avveniva con carri e “traje”.

Continua a leggere

Corpus Domini 2018

Domenica 3 giugno 2018, per la solennità del Corpus Domini, la messa verrà celebrata alle ore 10.00. Al termine, il sacerdote condurrà la processione lungo le mura del paese.

Tutti sono invitati a partecipare alla realizzazione dell’infiorata per le vie del borgo, tenendo presente che le catechiste, insieme ad altre due persone, si occuperanno del tratto che parte dalla chiesa e giunge al negozio di Rolando; chiunque vorrà, potrà “adottare” un tratto del percorso della processione in completa autonomia, non dimenticando però che le eventuali creazioni dovranno essere attinenti al sacramento dell’Eucarestia e all’immagine del Signore. (MP)

Andrea Toniolo a Porchiano

Sabato 2 giugno, dalle ore diciotto, presso il Sentiero di Palliccio, presentazione del libro “Il limite che non c’è”, di Andrea Toniolo, a cura della libreria Il Gorilla e l’Alligatore di Orte (quartiere Petignano). L’autore, che sarà presente all’incontro, ci parlerà del suo viaggio in solitaria lungo 4500 chilometri per riscattarsi dopo un gravissimo incidente e realizzare il proprio sogno.

L’evento prevede una breve escursione lungo il sentiero naturalistico di Palliccio, con la guida di Marcello Paolocci e in compagnia dell’autore. A seguire, intorno alle diciannove, la presentazione del libro.

Ingresso libero, siete tutti invitati!

La 1000 Miglia passa da Porchiano!

La 1000 Miglia è una gara di regolarità per auto d’epoca che celebra l’omonima competizione automobilistica stradale che fu tenuta fra il 1927 ed il 1957. Il tracciato si snoda lungo la penisola, parte da Brescia, tocca Roma e torna nella città lombarda dopo aver percorso circa 1600 km, che equivalgono a 1000 miglia imperiali, da cui il nome alla gara.

Definita da Enzo Ferrari “La corsa più bella del mondo”, nell’edizione di quest’anno tocca molte località amerine: proveniente da Orvieto, passa per Baschi, Montecchio, Lugnano e giunge ad Amelia nel pomeriggio di oggi, dove si terranno diverse manifestazioni.

Anche Porchiano sarà toccata dal passaggio delle vetture, che transiteranno lungo la ex statale 205 Amerina, nei pressi del “bivio”, nel pomeriggio.

Umanità senza sbarre

Nel pomeriggio di domenica 18 marzo, nella sala parrocchiale di Porchiano del Monte, la Caritas ha incontrato la comunità locale per raccontare le tante attività che l’associazione “San Martino”, braccio esecutivo della Caritas, esplica sul territorio ternano. Tra tutte, quelle svolte da quindici anni presso la Casa Circondariale di Terni.

Se la povertà aumenta tragicamente nel ternano e nuove indigenze richiedono l’attenzione umana dei volontari della Caritas, l’esperienza nel carcere insegna che la speranza può entrare in ogni luogo e alleviare la condizione umana più disperata.

L’uomo, e soprattutto l’uomo che ha abbracciato la fede cristiana, è chiamato a rivolgere uno sguardo di compassione e prestare soccorso. Qusto è stato narrato dal direttore Ideale Piantoni, da Nadia Agostini e dalla giovane Valeria Mazzoccanti, che hanno sottolineato come l’ascolto sia la risposta più efficace e toccante, e come le piccole azioni di supporto allevino la condizione di una società che deve sempre più confrontarsi con la solitudine.

La testimonianza di Sergio Pera, impiegato da 35 anni presso la Casa Circondariale di Terni, ha arricchito il messaggio di fatti concreti e di un agire quotidiano fra detenuti che una volta entrati fra le mura del carcere restano uomini e come tali devono essere visti. La privazione della libertà personale deve essere considerata l’unica loro  pena: dignità e speranza restano invece prerogativa della loro umanità.

(Articolo a firma Consiglio Pastorale Porchiano del Monte, pubblicato su Il Banditore di Amelia di aprile 2018, trascritto da Marcello Paolocci)